L’ANCI Toscana lancia una proposta per la fibra ottica in regione

 fibra ottica

 

L’ANCI Toscana lancia una proposta per la fibra ottica in regione


Da Anci Toscana arriva una interessante proposta per accelerare la diffusione della fibra ottica. Una proposta che arriva mentre il dibattito nazionale sullo scorporo della rete Telecom non vede la fine.

Con l’azienda di TLC che non vuole cedere la propria rete, alcuni pezzi dello stato che dicono che invece sarebbe opportuno e minacciano di agire ex lege ma con il rischio poi che la Cassa Depositi e prestiti stra paghi una infrastruttura vecchia di oltre 40 anni e il cui valore scende di anno in anno (il maggior interesse sulla parte passiva della rete sono i cavidotti che raggiungono capillarmente il Paese e all’interno dei quali sarebbe possibile infilare fibra ottica).

Di fronte a tutto ciò le imprese chiedono soluzioni perchè senza internet non si può stare e non si può competere.

Il segretario generale di Anci Toscana, Alessandro Pesci, spiega a Radio24 che “la rete telematica regionale che collega comuni, regione, aziende sanitarie locali, camere di commercio, quindi autonomie locali e autonomie funzionali“, una rete in fibra ottica, “potrebbe essere trasformata in un’unica società pubblica regionale che gestisca strategie, politiche e interventi“. In due direzioni spiega Pesci a 2024 su Radio24: “costruire più servizi e lavorare di più e meglio rispetto alle infrastrutture, cioè vedere dove siamo arrivati con gl’interventi pubblici e con gli interventi dei privati sostenuti da risorse pubbliche, coprire le aree che sono ancora da coprire“.

La proposta sarebbe replicabile in altre regioni e, oltre ad avere il pregio di essere una idea concreta in un dibattito che non porta per ora a risultati, ha anche una dimensione geografica che consente di arrivare ad un risultato in tempi ragionevoli. Una società pubblica di questo tipo potrebbe poi inglobare tutte le società controllate dagli enti locali che ancora gestiscono reti in fibra ottica; continuare a posare fibra partendo dalle aree industriali non ancora raggiunte e mettere a disposizione questa rete agli operatori di TLC a parità di condizioni. Insomma una società al servizio del mercato e delle imprese.

Fonte: http://www.radio24.ilsole24ore.com


 

Condividi: